mercoledì 6 giugno 2018

La fabbrica della guerra e la riscossa bioregionale


Collage di Vincenzo Toccaceli


Il mondo ha migliaia di migliaia di anni e vivrà ancora per altrettanti a meno di qualche pazzia dell’uomo con una guerra Nucleare, che ci porterebbe all’auto distruzione.

Il pericolo maggiore proviene dal male dell’uomo, portato a prevalere sul suo prossimo con ogni mezzo, frutto della propria cattiveria, egoismo, che in alcuni uomini è straripante.

La storia ci è maestra, di uomini malvagi ne abbiamo avuto a bizzeffe, e nonostante il progresso, la natura continua a produrre bestie umane dal cervello sottosviluppato incline al male.

Se dovessimo addizionare tutti i debiti degli Stati del Mondo a causa delle continue Guerre e della corruzione Politica, la cifra sarebbe illeggibile, migliaia di migliaia di migliaia di Dollari, che la Comunità internazionale dovrà pagare. Ecco dove e come provengono le maldicenze e lo spauracchio sulla fine del mondo, per distogliere le attenzioni sulla gravità Politica di alcuni Stati.

La cattiveria che spesso affiora nelle bestie umane, incoraggiate dalla Mitologia con il Dio della Guerra, inizia da alcuni uomini appena usciti dall’uovo, con innate tendenze di superiorità con il bullismo, sostenendo egoismi e guerre inizialmente a tu per tu, uomo contro uomo, armati con le frecce di legno appuntite per uccidere, allargandosi sempre più coinvolgendo eserciti con armamenti gradualmente più sofisticati per saccheggiare, uccidere, speculare, un maggior numero di fratelli, sino a sostenere una ragione commerciale. La fabbrica della Guerra è l’attività dei becchini che salvano il PIL.

Giocare alla guerra per produrre e vendere armamenti con un giro di affari che oggi giorno occupa la posizione più importante nei bilanci degli Stati, ma da una analisi approfondita dei benefici, i danni provocati sono di gran lunga maggiori.

L’Italia, nonostante le false aspirazioni descritte nella Costituzione, si è impegnata per l’acquisto di una serie obsoleta di aerei da guerra F35 che non servono a nessuno, sprecando miliardi di Euro in un momento economico di grave crisi, supponendo che qualcuno si è riempito le tasche con la commissione.

Il progresso nello studio allo scopo di dominare gli avversari, porta alla scoperta di altre forme di punizioni in parallelo alla guerra tradizionale, con le famose guerre fredde altrettanto dannose ed aventi per oggetto lo sbarramento di tutte le azioni di scambio fra paesi in conflitto, oltre ad altre forme di  azioni di guerriglia nel cuore delle città con la perdita di molti civili inermi, le guerre Economiche, quelle finanziarie, il controllo delle materie prime, della produzione, dei consumi, della finanza, della Politica, della Giustizia, della Medicina, la Globalizzazione, le guerre chimiche e batteriologiche per la diffusione delle Epidemie, e per ultimo con le guerre di Religione, dove tutti combattono e uccidono in nome di Dio, per conquistare, dominare, saccheggiare, rubare, speculare.

E’ come se non fosse sufficiente tutto questo popò di conseguenze per soddisfare l’egoismo umano, controllare, dominare, apparire superiori, facendo uso aggiuntivo della Mitologia e di una infinità di filosofie Divine, attraverso la  disinformazione, il Brain Storming, il Brain Shaking e infondere la Paura. Quest’ultima molto efficace per spaventare le anime deboli, con l’aggiunta delle opere atte a rafforzare le tante illusioni impostate sul vero simile, mostri, spiriti, ombre maligne, diavoli, streghe, fantasmi, per accentuare il dolore, la sofferenza, sino alla morte.

Tutto questo è il frutto dall’imperfezione intellettuale dell’uomo che in tempi trascorsi più sviluppati socialmente, ricorsero al buon senso e alla saggezza formulata sull’amicizia per aiutarsi a vicenda, condividere le risorse naturali, sociali e tecnologiche per una pace duratura.

Poi arrivarono gli intelligenti o i mascalzoni, e i falsi Profeti, i quali per distinguersi dal mucchio e per ragioni di interessi, sostennero di avere ricevuto indicazioni divine sul come migliorare la vita dell’uomo. Nascono le Religioni, una, dieci venti, con centinaia di derivazioni, soltanto in America ci sono più di cinque cento.

Da allora sono passati parecchi millenni e nonostante la ricerca, il progresso tecnologico e la diffusione del sapere, l’uomo si trova ancora intrappolato nella continua sofferenza sociale per ingiustizie provocate da altri uomini ibridi, senza anima e senza coscienza, arrampicati nelle posizioni dominanti.

Occorre una riscossa bioregionale

 Stralcio di un articolo di Anthony Ceresa

2 commenti:

  1. Io la vedo diversamente: proprio perché i debiti del mondo sono insolubili, solo la fine di questo mondo (materialistico) potrà sanarli. E infatti è previsto che la Terra subisca tali sconvolgimenti che non rimarrà sulla sua superficie nessuna cosa fatta da mani umane, figuriamoci dei numeri scritti in un computer!
    E se questo non bastasse, le fasce di Van Allen si stanno avvicinando sempre più alla Terra e, essendo di una forza magnetica impensabile per noi umani, smagnetizzeranno tutte le memorie possibili immaginabili dei computer, cancellando così tutti i dare e avere dell'umanità. E finalmente vivremo senza il dio denaro e solo di vero altruismo.

    RispondiElimina
  2. ed infine tutti vissero felici e contenti?

    RispondiElimina